Saturnia

Incastonata tra le colline della Maremma, tra campagne incontaminate e panorami mozzafiato, Saturnia è una cittadina unica nel suo genere, è uno dei borghi più antichi d’Italia ed una delle ricchezze della Maremma Toscana.

Le origini del borgo di Saturnia risalgono al periodo Etrusco, è in questo periodo che nasce un primo insediamento con il nome di Aurinia, in seguito, con l’avvento dell’Impero Romano, la città di Saturnia, vista la vicinanza con la Via Clodia, divenne un fiorente centro urbano, le sue acque termali già in questo periodo erano conosciute ed apprezzate a tal punto che esistevano già i primi bagni pubblici, luogo di relax per i numerosi pellegrini in viaggio verso Roma.

Sotto l’Impero Romano, Saturnia venne innalzata a sede amministratura e prefettura e nel 183 a.C. divenne una colonia, la città venne poi invasa dai Goti nel 411 ed in seguito dai Longobardi ed a partire dal 500 iniziò un periodo di abbandono, fino al 1200, con l’arrivo degli Aldobrandeschi, fu poi la volta della città di Orvieto e dei Conti Orsini di Pitigliano, nel XV secolo la città di Saturnia venne conquistata dai Senesi e nel 1593, conquistata dai Medici di Firenze, passando definitivamente sotto il Granducato di Toscana.

Del periodo etrusco-romano rimangono ancora oggi preziose testimonianze nelle aree archeologiche e nelle necropoli e i numerosi ritrovamenti sono oggi conservati nel Museo Archeologico, i resti delle antiche colonne e di altri monumenti romani sono invece visibili direttamente tra le vie e nella piazza principale del paese.

Saturnia è celebre per le sue terme, un luogo di relax e benessere nel cuore della Maremma Toscana, le Cascate del Mulino, terme libere, le più belle della Toscana, con acque termali solfuree a 37.5°C, piscine naturali scavate dall’acqua nella roccia di travertino, un vero spettacoli per gli occhi e per il corpo, e le celebri Terme di Saturnia Spa&Golf Resort®, parco termale di fama internazionale.

A Saturnia avrete inoltre la possibilità di visitare monumenti ed edifici storici, come ad esempio la Chiesa di Santa Maria Maddalena, il Museo Archeologico, la Cinta Muraria con la Porta Romana.

Cosa vedere a Saturnia

Le vie del borgo di Saturnia ospitano alcuni interessanti edifici e monumenti antichi, preziose testimonianze del passato della cittadina. Saturnia è infatti considerata una delle città più antiche d’Italia ed è un borgo tutto da scoprire, per la sua ricchezza di arte e storia.

La Chiesa di Santa Maria Maddalena è un imponente edificio che si erge a fianco di Piazza Vittorio Veneto. La chiesa risale al 1188 anche se l’aspetto attuale è frutto della ricostruzione avvenuta nel 1933. All’interno della Chiesa si trovano un tabernacolo con le immagini di Santa Elisabetta d’Ungheria e Santa Chiara, un dipinto raffigurante la Madonna col Bambino fra San Sebastiano e Santa Maria Maddalena, realizzato alla fine del 1400 da Benvenuto di Giovanni, due croci in legno risalenti al 1700.

La Rocca Aldobrandesca risale al periodo medievale, venne costruita dagli Aldobrandeschi verso la fine del XII secolo, danneggiata nel XV secolo, la rocca venne restaurata dai senesi, a questo periodo risalgono gli elementi architettonici in stile rinascimentale. All’interno della rocca, si trova il Castello Ciacci, realizzato durante il Ventennio Fascista, l’edificio venne costruito dalla stessa famiglia Ciacci in stile neomedievale.

La Cinta Muraria venne costruita inizialmente dai Romani nel II secolo a.C. a partire da una preesistente struttura di epoca etrusca, dell’antica struttura difensiva romana facevano parte quattro porte di accesso. Durante il Medioevo furono gli Aldobrandeschi a fortificare ed ampliare la cinta muraria, probabilmente nel XIII secolo, ed è a questo periodo che risale la costruzione della Rocca di Saturnia. In seguito furono i Senesi a modificare nuovamente la struttura fortificata, nel corso del XV secolo. La cinta muraria circonda gran parte della cittadina di Saturnia, delle originarie quattro porte di accesso, oggi rimane solo Porta Romana che sorge sul tracciato della Via Clodia.

ristoranti a Saturnia

Saturnia è un paesino ricco di attrazioni, a due minuti dalle famose Terme di Saturnia e dalle Cascate del Mulino, la cittadina toscana è il luogo ideale in cui fare una passeggiata dopo un bel bagno rigenerante nelle calde acque termali a 37.5°C.

Non c’è niente di più bello che passeggiare tra le vie della cittadina toscana ammirandone i monumenti più belli, la caratteristica Piazza Vittorio Veneto, la Chiesa e i ruderi delle antiche colonne romane, fino al Museo Archeologico.

Dopo una passeggiata nella storia, concedetevi una pausa di gusto scegliendo uno dei ristorantini di Saturnia, per scoprire la cucina autentica del territorio : I Due Cippi, Bacco & Cerere 2.0, Il Cantuccio di Anastasia, Il Melangolo, Ristorante da Mario, Lo Scangeo, La Diciannovesima Buca e All’Acquacotta.

I ristoranti di Saturnia

Ristorante i due Cippi da Michele
P.za V. Veneto, 26 – Saturnia (GR)
Tel. 0564601074
www.iduecippi.com

All’Acquacotta
Presso Terme si Saturnia Spa & Golf Resort®
Tel. 0564 600111

La Diciannovesima Buca
Str. Prov. Manciano Farnese SNC Saturnia (GR)
Tel. 335 722 7208

Bacco e Cerere 2.0
Via Mazzini, 6 – Saturnia GR
Tel. 0564601235

Lo Scangeo
Localita La Crocina SNC – Saturnia GR
Tel. +39 0564 601515

Il Cantuccio di Anastasia
Viale Gaspero Ciacci 15/C  – Saturnia GR
Tel. 347 7941074

Il Melangolo
Piazza Vittorio Veneto 2 – Saturnia GR
Tel. 0564 601004

Mazzini
Via Mazzini, 18 – Saturnia GR
Tel. 0564601230

Ristorante da Mario
Via Mazzini, 4 – Saturnia GR
Tel. 0564601309

Eventi a Saturnia

Divenuti ormai appuntamenti fissi nel borgo di Saturnia, il Saturnia Festival e la Focarazza di Capodanno, sono due degli eventi più amati della cittadina toscana.

Il Saturnia Festival è un festival dedicato alla musica in ogni sua sfumatura, musica classica, jazz e molto altro, nella splendida cornice di Piazza Vittorio Veneto, tutte le estati, nella seconda metà del mese di Agosto, vengono organizzati una serie di concerti, il tutto organizzato dalla Filarmonica A. Ponchielli con il patrocinio del Comune di Manciano. L’evento è un must per tutti gli amanti della buona musica, tante esibizioni di artisti italiani ed internazionali, sullo sfondo di uno dei borghi più antichi d’Italia… un festival imperdibile!

La Focarazza di Capodanno è una delle tradizioni più antiche della cittadina di Saturnia, per celebrare la fine dell’anno e l’inizio di uno nuovo, viene allestita una pira di legna che viene poi incendiata nella piazza principale del paese. La Focarazza ricorda l’antica tradizione dei saturnali, riti pagani in onore del dio Saturno, dio dell’abbondanza, per celebrare l’arrivo di un nuovo anno, affinché sia prospero e fortunato.

Per maggiori informazioni : it.wikipedia.org/wiki/Saturnia – www.tuttosaturnia.com